$24 milioni persi nella seconda giornata di liquidazioni DeFi

Il feb. 22 Il crypto crash ha innescato il secondo volume di liquidazioni DeFi nella storia del settore, con più di $24.1 milioni di prestiti chiusi forzatamente entro 24 ore.

Secondo l'aggregatore di dati crittografici DeBank, $13.7 milioni, o quasi 60% delle perdite avvenute su Compound, seguito da Aave con $5.4 milioni di liquidazioni.

Le liquidazioni di ieri sono state le seconde ad aver raggiunto la DeFi, trascinandosi dietro il $93 milioni in richieste di margine che sono state innescate da un improvviso aumento del prezzo di DAI il nov. 26. 2020. L'incidente ha visto DAI impennarsi 30% su Coinbase Pro - la fonte dell'oracolo dei prezzi di Compound - liquidando più di $88 un valore di milioni di garanzie di prestito crittografico sul protocollo.

DeBank ha anche segnalato un calo del valore totale bloccato da $44.5 miliardi a $38.8 miliardi nel passato 24 ore. Il 12.8% il declino segna il più grande calo giornaliero da quando i mercati DeFi hanno perso terreno 15.4% il gen. 21.

Le liquidazioni potrebbero essere state esacerbate dalle recenti commissioni estreme sul gas associate all'utilizzo della mainnet di Ethereum, con i trader quotati fino a $30 per semplici trasferimenti di token.

Con gli utenti crittografici che corrono per superare le offerte a vicenda e assicurarsi che le loro transazioni siano soddisfatte, la congestione della rete a causa del rapido crollo dei prezzi potrebbe aver impedito ad alcuni trader di chiudere le loro posizioni in tempo.

Il flash-crash ha avuto un impatto devastante sui trader di margine e sugli utenti DeFi, con Kraken gli utenti hanno anche chiesto un risarcimento per liquidazioni di massa causate da un arresto anomalo accelerato che ha visto l'ETH scendere a $700 su Kraken mentre l'asset stava cambiando di mano per circa $1,400 su altri scambi.

Anche le principali società che hanno investito pesantemente in Bitcoin hanno visto riduzioni multimilionarie a febbraio. 22Azione sui prezzi che ha visto $9,000 ha cancellato il prezzo di BTC in poche ore.

Tesla, che ha acquistato $1.5 miliardi il febbraio. 8, avrebbe perso $200 milioni nell'incidente mentre MicroStrategy, che detiene il maggior numero di Bitcoin di qualsiasi azienda pubblica, sarebbe stato giù $330 milioni al momento del calo.

Al momento della scrittura, però, Bitcoin si era ripreso per scambiare a $50,800 per librarsi a un calo giornaliero del prezzo di circa 9%.

Blocciamo gli annunci! (Perché?)

fonte: Cointelegraph

Caricamento in corso...