Alla scoperta dell'alfabetizzazione finanziaria: Crypto guida la commissione per gli investimenti al dettaglio

Il momentum trading guidato dagli investitori al dettaglio sembra aver preso una nuova vita dall'inizio dello stallo globale causato dalla pandemia di coronavirus in corso. Dove le sfide delle celebrità erano solite dominare le tendenze virali sui social media, le questioni relative alla finanza personale e agli investimenti sembrano essere altrettanto popolari in questi giorni.

Questo crescente interesse per i mercati finanziari da parte della gente di tutti i giorni si è diffuso anche nello spazio crittografico poiché le valute digitali hanno registrato forti recuperi di prezzo dai crolli che hanno caratterizzato il crollo del giovedì nero di marzo 12, 2020.

Mentre l'interesse è palpabile, alcuni gatekeeper si chiedono se la nuova generazione di investitori al dettaglio sia sufficientemente informata per investire in attività rischiose. Ma la gestione delle finanze personali e gli investimenti sono diventati una nuova tendenza alla moda?

COVID-19: Sfida e opportunità

Le app di trading come Robinhood e Coinbase sono recentemente diventate le più scaricate sull'App Store di Apple, davanti ai popolari servizi di social media come TikTok e Instagram. Data l'influenza esercitata dai social media sulla cultura popolare nell'ultimo decennio, le app di investimento che vedono il maggior numero di download potrebbero indicare un perno di interessi soprattutto tra i giovani demografici.

Secondo un sondaggio pubblicato dagli Stati Uniti. il gigante degli investimenti Charles Schwab, 15% degli attuali investitori al dettaglio in America ha iniziato a investire in 2020. Infatti, si stima che il settore del brokeraggio degli Stati Uniti abbia aggiunto 10 milioni di nuovi clienti in 2020, con l'app di trading al dettaglio Robinhood che conta oltre 60% della cifra totale.

Il boom degli investimenti al dettaglio in 2020 può essere attribuito a due fattori: volatilità del mercato e blocchi del coronavirus. Con l'economia globale praticamente ferma, i governi hanno cercato di stimolare la crescita e la ripresa mediante ingenti flussi di cassa sotto forma di pacchetti di stimolo.

Secondo il sondaggio di Charles Schwab, I Millennial e la Generazione Z costituiscono la maggioranza della classe di investitori principianti creata in 2020. Infatti, I millennial rappresentavano oltre la metà del numero di partecipanti che hanno affermato di essere entrati nel mercato degli asset durante l'inizio della pandemia COVID-19. Jonathan Craig, vicepresidente esecutivo senior e responsabile dei servizi per gli investitori presso Charles Schwab, ha detto a Cointelegraph:

"Abbiamo assistito a un'enorme crescita e coinvolgimento tra i singoli investitori nell'ultimo anno come risultato di costi di negoziazione inferiori, nuovi prodotti e servizi volti a una maggiore facilità e accessibilità, e le opportunità di investimento presentate dalla volatilità del mercato. "

Forse timoroso di inflazione e svalutazione monetaria, un numero maggiore di investitori al dettaglio sembra desideroso di garantire adeguate coperture contro l'incertezza economica. In una conversazione con Cointelegraph, Jay Hao, CEO del gigante dello scambio di criptovalute OKEx, ha identificato la pandemia COVID-19 come un fattore scatenante significativo per l'attuale aumento degli investimenti al dettaglio, aggiungendo:

"La pandemia ha probabilmente accelerato l'adozione delle criptovalute a causa del massiccio pompaggio di denaro sul mercato da parte della Federal Reserve lo scorso anno per salvare gli Stati Uniti.. economia. [...] Con più piattaforme che hanno concesso agli investitori al dettaglio l'accesso diretto per investire in azioni, stiamo assistendo a una democratizzazione dello spazio di investimento e più potere nelle mani delle persone ".

Il coronavirus continua ad avere un impatto significativo sulle finanze personali che vanno dai tagli di stipendio ai permessi o addirittura alla perdita di posti di lavoro.. Così, forse non sorprende vedere più persone incentivate a costruire fonti di reddito di emergenza al di fuori della tradizionale struttura dalle 9 alle 5.

Lanciare criptovalute nel mix

Come precedentemente affermato, Robinhood ha rappresentato oltre 60% dei nuovi investitori aggiunti dagli Stati Uniti. intermediazioni in 2020. Questa cifra mette la piattaforma di trading al dettaglio in una posizione adeguata per determinare le tendenze di investimento dei principianti nell'ultimo anno.

Secondo un post sul blog sul sito web dell'azienda all'inizio di aprile, la piattaforma di trading ha dichiarato che i suoi clienti stavano guidando l'avanguardia del cambiamento demografico nei mercati finanziari. Nel sopracitato sondaggio di Charles Schwab, il gigante degli investimenti ha chiamato questa nuova classe di investitori "Generation Investor,"O Gen I.

La prima generazione ha un'età media di 35 anni, che ancora una volta posiziona i Millennials e la Gen Z al centro di questo cambiamento demografico degli investimenti. Numerosi sondaggi hanno anche indicato questa particolare fascia di età come la più interessata alle criptovalute, come ha detto Hao:

“La criptovaluta è probabilmente uno dei primi strumenti finanziari che ha attirato l'attenzione dei millennial, che hanno la capacità di rivitalizzare ulteriormente il mercato. Dai popolari account TikTok al marketing crittografico memetico, queste comunità e la loro raffinatezza nel produrre azione portano su una nuova scena di comportamento degli utenti per le altcoin ".

All'inizio di aprile, L'exchange di criptovalute OKEx ha pubblicato uno studio di ricerca congiunto con il servizio di analisi blockchain Catallact che mostra l'impatto dell'interesse della vendita al dettaglio nel mercato delle criptovalute. Secondo il rapporto, attività di vendita al dettaglio nel Bitcoin (BTC) il mercato ha superato quello degli operatori istituzionali nel primo trimestre 2021.

Tale è la crescita dell'attività di trading di criptovaluta al dettaglio che Robinhood ha riferito 9.5 milioni di clienti hanno scambiato criptovalute sulla sua piattaforma nel primo trimestre 2021 solo. Questa cifra rappresenta un aumento di sei volte del numero di clienti registrati dalla società nel quarto trimestre 2020.

Anche altri servizi di investimento e pagamento hanno iniziato a coinvolgere clienti crittografici per trarre vantaggio dall'attuale campagna pubblicitaria del commercio al dettaglio. Artisti del calibro di Venmo e PayPal hanno rotto da posizioni precedentemente anti-crittografiche per adottare disposizioni più amichevoli per le valute digitali in mezzo al potenziale di enormi flussi di entrate.

Fuori dagli Stati Uniti, una rinascita nel trading di criptovalute al dettaglio ha avuto un impatto significativo sui mercati finanziari della Corea del Sud. Le aziende che investono in scambi di criptovaluta stanno registrando enormi crescite dei prezzi delle azioni. K Bank, il principale banchiere di Upbit, uno dei più grandi scambi di criptovalute della Corea del Sud, ha goduto di un netto rovesciamento di fortuna. La banca ha recuperato dal $89 milioni di perdite registrate in 2019 entro un anno dall'eventuale richiesta di quotazione pubblica.

E l'alfabetizzazione finanziaria?

A febbraio, Il ministro delle finanze thailandese Arkhom Termpittayapaisith ha lamentato l'ondata di investimenti speculativi in ​​criptovalute tra i commercianti al dettaglio nel paese. Al tempo, il funzionario del governo ha avvertito che la tendenza potrebbe avere conseguenze disastrose per il mercato dei capitali del paese.

Il ministro delle finanze thailandese non è il solo a sposare tali sentimenti poiché osservazioni simili sono emerse da funzionari governativi e regolatori finanziari in tutto il mondo. A gennaio 2021, la Financial Conduct Authority del Regno Unito ha avvertito che gli investitori in criptovaluta potevano perdere tutti i loro soldi a causa dell'elevato livello di rischio nel mercato.

A parte volatilità e altra retorica anti-criptovaluta ben consumata, gli emittenti di questi presagi di crash di criptovaluta spesso puntano alla presunta ignoranza degli investitori al dettaglio sulle complessità del mercato degli investimenti. Infatti, La Securities and Exchange Commission thailandese ha subito un contraccolpo significativo da parte della comunità crittografica thailandese quando ha cercato di introdurre requisiti di qualificazione degli investitori per gli investimenti in criptovaluta a febbraio.

Hong Kong è anche un'altra giurisdizione che cerca di limitare il coinvolgimento della vendita al dettaglio nel trading di criptovalute tra le segnalazioni di un divieto generale. Come la proposta thailandese, Le autorità di regolamentazione di Hong Kong stanno cercando di stabilire una soglia di reddito minimo per gli investimenti in criptovaluta, che potrebbe squalificare fino a 93% della popolazione della città.

Forse non c'è scala migliore per esaminare gli argomenti di alfabetizzazione finanziaria rispetto alla saga di GameStop all'inizio dell'anno. Un'orda di investitori al dettaglio ha sfruttato il potere dell'impegno sui social media per contrastare il cortocircuito delle azioni GME.

Salvo per il paternalismo normativo che ha visto i guardiani del mercato azionario favorire ingiustamente gli hedge fund dalla parte dei perdenti, i commercianti al dettaglio su r / Wallstreetbets potrebbero probabilmente aver portato a terra i più corti nudi. Si potrebbe sostenere che il dramma di GameStop ha dimostrato che l'alfabetizzazione finanziaria non è un problema per i commercianti al dettaglio, ma piuttosto la natura non democratizzata del sistema finanziario legacy.

Il sondaggio Charles Schwab offre un assaggio della misura in cui stanno andando gli investitori principianti in termini di educazione e consulenza finanziaria. Nella sua relazione pubblicata sul sondaggio, l'impresa di investimento ha rivelato che circa 94% degli investitori desidera accedere a maggiori informazioni e strumenti per condurre la propria ricerca.

Commentando la mentalità di investimento degli investitori principianti, Andrew D'Anna, vicepresidente senior presso la divisione esperienza dei clienti al dettaglio dell'azienda, dichiarato: "Ora che hanno deciso di investire, La prima generazione è ansiosa di continuare ad apprendere e ad evolvere le sue strategie per creare ricchezza a lungo termine ".

Secondo D'Anna, il sondaggio della società offre la prova che gli investitori di prima generazione non sono solo propensi all'assunzione di rischi a breve termine per enormi guadagni. Anziché, l'emergente cambio generazionale nei mercati finanziari guidati dai Millennials e dalla Gen Z desiderano acquisire orientamento e formazione per prendere decisioni informate.

Blocciamo gli annunci! (Perché?)

fonte: Cointelegraph

Caricamento in corso...