Goldman Sachs afferma che Bitcoin è sulla strada della maturità

In un'intervista con CNBC, Currie ha affermato che la straordinaria corsa di Bitcoin ha attirato un maggiore interesse istituzionale, ma ha notato che gli investitori in denaro intelligente sono ancora una piccola frazione del mercato complessivo. Dovranno venire a frotte affinché Bitcoin diventi una risorsa stabile ed eviti un flash crash come abbiamo visto all'inizio di questa settimana, Egli ha detto.

“Penso che il mercato stia iniziando a diventare più maturo,"Ha detto Currie di Bitcoin, aggiungendo che "la volatilità e i rischi ad essa associati" sono comuni per gli asset nascenti.

Lui continuò:

“La chiave per creare un certo tipo di stabilità nel mercato è vedere un aumento della partecipazione degli investitori istituzionali e in questo momento sono piccoli […] approssimativamente 1% di esso è denaro istituzionale. "

Alcuni dei più grandi nomi di Wall Street hanno dato il loro peso a Bitcoin nell'ultimo anno. I leggendari investitori Paul Tudor Jones e Stanley Druckenmiller hanno già investito nell'asset digitale, e aziende come MassMutual e Ruffer Investment Company hanno acquisito posizioni considerevoli in BTC.

Lo scorso mese, L'hedge fund di Anthony Scaramucci, SkyBridge Capital, ha presentato una domanda alla Securities and Exchange Commission per lanciare un nuovo fondo Bitcoin.

Questo si aggiunge alle decine di miliardi investiti da MicroStrategy, Scala di grigi, PayPal e Square combinati.

Goldman Sachs ha persino cambiato tono su Bitcoin e criptovalute più in generale. L'azienda non ha solo rafforzato le sue risorse umane per includere esperti di valuta digitale, ma ha anche emesso linee guida sulla pacifica coesistenza di Bitcoin e oro come coperture macro.

Coinbase, uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo, Secondo quanto riferito, ha anche sfruttato Goldman per la sua imminente IPO.

Dopo oltre un decennio di estrema volatilità dei prezzi, Bitcoin (BTC) sta finalmente iniziando a maturare come asset class, secondo Jeffrey R. Currie, Responsabile globale della ricerca sulle materie prime di Goldman Sachs.

Blocciamo gli annunci! (Perché?)

fonte: Cointelegraph

Caricamento in corso...