Nic Carter mira a sostenere che Bitcoin è un disastro ambientale

Il co-fondatore di Coin Metrics Nic Carter ha prodotto una confutazione ben studiata ad alcune delle affermazioni chiave che suggeriscono che il mining di Bitcoin assetato di potere sta causando un disastro ambientale.

In un articolo di approfondimento chiamato Noah oggettività sul mining di Bitcoin scritto a marzo 30, il partner di Castle Island Ventures risponde alle affermazioni del giornalista di Bloomberg Noah Smith in un mese di marzo 24 articolo intitolato I minatori di Bitcoin sono sulla strada dell'autodistruzione.

La prima affermazione a cui Carter ha mirato è stata che Bitcoin è unico tra le attività in quanto un aumento del prezzo comporta un maggiore assorbimento di energia. Carter ha affermato che l'oro ha la stessa identica caratteristica in quanto i prezzi più elevati si traducono in un aumento dell'estrazione e del consumo di energia.

In secondo luogo, c'era un'affermazione di Smith secondo cui l'estrazione di Bitcoin consuma risorse energetiche locali privando i clienti abituali di elettricità. però, secondo i dati prodotti da Carter, l'estrazione mineraria è concentrata in aree dove c'è effettivamente un eccesso di energia inutilizzata.

In Cina, la stragrande maggioranza delle attività estrattive avviene in quattro province: Xinjiang, Sichuan, Mongolia continentale, e Yunnan. Tra di loro hanno rappresentato 63% dell'hashrate globale di Bitcoin del quarto trimestre 2019 a Q2 2020. Queste aree utilizzano una combinazione di carbone, solare, vento, e l'energia idroelettrica e hanno tutti una densità di popolazione relativamente bassa e una sovrabbondanza di energia.

Carter chiama questa energia in eccesso che non arriverà mai alla rete "non virale" e ha approfondito le cifre per rivelare che negli anni precedenti la Cina ha ridotto o sequestrato 100 TWh di valore medio di idroelettrico, solare, ed energia eolica, collettivamente. La riduzione è un processo che si riferisce alla rimozione di energia in eccesso dalla rete o dal consumo pubblico spesso per mantenere i livelli dei prezzi.

Si stima che il mining di Bitcoin consumerà tra 89 TWh / anno e 138 TWh, secondo i dati del Digiconomist e dell'Università di Cambridge.

“Basta dire, c'è abbastanza energia non virale là fuori per far funzionare Bitcoin molte volte. È solo questione di distribuire l'hashrate nelle posizioni giuste, cosa stanno facendo i minatori - in modo aggressivo.”

Se il mining di Bitcoin, che è relativamente portatile, è concentrato nelle aree in cui l'elettricità è inutilizzata (e quindi a buon mercato) questo complica gli argomenti che sommano semplicemente il consumo di energia.

Ad esempio Alex de Vries, fondatore di Digiconomist, ha scritto in un recente articolo:

"L'impennata record del prezzo di Bitcoin all'inizio del 2021 può far sì che la rete consumi la stessa quantità di energia di tutti i data center a livello globale, con un'impronta di carbonio associata corrispondente alle dimensioni dell'impronta di Londra. "

L'indice di consumo di elettricità di Cambridge Bitcoin (CBECI) stima che il consumo annuale di elettricità di Bitcoin sia attualmente a metà tra quello della Svezia e della Malesia.

Nell'articolo originale di Smith, sosteneva che gli sviluppatori di Bitcoin dovevano adottare un'alternativa alla Proof-of-Work, citando Proof-of-Stake come candidato valido. Ethereum sta passando a Proof of Stake con Eth2, che si stima utilizzi 99.98% meno elettricità.

Tuttavia, Carter non crede che Proof of Stake possa competere in termini di sicurezza e decentralizzazione:

“Questa è una pietra angolare dell'argomento energetico anti-Bitcoin: l'idea che puoi avere qualcosa per niente con Proof of Stake. Nessun consumo di energia, eppure ancora un consenso decentralizzato funzionante. Se questa logica ti ricorda le macchine a moto perpetuo, è perché è esattamente ciò che viene proposto qui: un pranzo completamente gratuito in cui ottieni esattamente le stesse garanzie di Bitcoin senza alcun costo. "

Blocciamo gli annunci! (Perché?)

fonte: Cointelegraph

Caricamento in corso...