NOI. Senatore e sostenitore di Bitcoin, Cynthia Lummis, vorrei vedere gli Stati Uniti. i residenti si rivolgono a Bitcoin come parte di una strategia diversificata per i loro piani pensionistici.

Parlando durante il vertice dei consulenti finanziari della CNBC a giugno 29, La senatrice Lummis ha dichiarato che vorrebbe vedere Bitcoin e altri cripto-asset diventare una parte normale delle allocazioni di attività diversificate utilizzate per i fondi pensione al fine di proteggere dall'inflazione.

"Mi piacerebbe anche vedere le persone in grado di utilizzare Bitcoin e le criptovalute di loro preferenza che sono sicure, che hanno incontrato gli ostacoli dell'antiriciclaggio e del Bank Secrecy Act," lei ha aggiunto.

Lummis ha sottolineato l'importanza di mantenere una "diversa allocazione delle attività" - avvertimento dei rischi di inflazione causati dalla spesa pubblica e dalla stampa di denaro:

“Il Congresso spende trilioni e trilioni di dollari, e sta inondando la nostra economia e l'economia mondiale con gli Stati Uniti. dollari, non c'è modo che non possiamo svilire il valore degli Stati Uniti. dollaro."

Mentre gli Stati Uniti. i cittadini sono stati in grado di includere asset crittografici nei loro portafogli pensionistici da quando l'Internal Revenue Service ha emesso per la prima volta una guida sul settore 2014, la pratica di tenere le risorse digitali nel proprio piano pensionistico è rimasta una pratica di nicchia.

Relazionato: Andare in pensione presto con crypto? Giocando con il fuoco (Rivista Cointelegraph)

però, nonostante i primi piani di pensionamento cripto-friendly cominciano ad emergere in 2020, molti analisti sono scettici sul trend.

A giugno 22, vicepresidente senior presso Alliant Retirement Consulting, Aaron Pottichen, ha detto alla CNBC che "pianifica gli sponsor, in generale, è ancora molto improbabile che vogliano adottare qualsiasi tipo di criptovaluta nella loro linea di investimento.

Durante l'intervista, Lummis ha rivelato che attualmente possiede 5 BTC in totale, avendo comprato il suo primo Bitcoin in 2013 per circa $330. Nonostante il suo rialzo verso i Bitcoin, ha sottolineato che la diversificazione è la chiave e non andare all-in su BTC:

"Non voglio che tutti mettano tutti i loro soldi in Bitcoin, proprio come non voglio che tutti li mettano in dollari e li mettano sotto un materasso."